I miei articoli

“Mai vomitare sugli asciugamani in campeggio”

Poi dicono che sei ansiosa, non è che sei ansiosa, è che sei cresciuta con tua madre che comincia a preparare le valigie due settimane prima di partire per le vacanze estive.
In sala, in bella vista, troneggia lei, la mega valigiona dove piano piano si ripone tutto il necessario.

Sono le 9 del mattino, la partenza è prevista per le 8 e tu non hai ancora iniziato a preparare la valigia, a sentimento recuperi le mutande, gli spazzolini da denti sempre e solo quando ormai sei sulle scale e stai uscendo dal portone, la carta igienica quando sei per strada e quindi a questo giro tutti avvisati, non si caga.

Il figlio piccolo boffonchia qualcosa riguardo al mal di pancia, tu scacci il pensiero del padre piegato in due vomitante fino ad una settimana prima e partite per le vacanze.

In campeggio l’unica regola è non vomitare sugli asciugamani, no, sugli asciugamani non si vomita mai, neanche il 15 di agosto, figuriamoci a settembre quando l’aria si fa leggermente meno torrida, puoi vomitare su tutto il resto, anche le lenzuola, ma sugli asciugamani no.

Dieci minuti dopo aver montato la tenda quel “MAMMA” è un misto di speranza, disperazione, rassegnazione e tu pari con l’asciugamano da mare, quello che, bagnato, pesa più di te e dei tuoi figli messi insieme.

Ti dicono che in campeggio c’è una lavatrice, vai a comprare il gettone, costa quanto la prima delle 10 rate necessarie per acquistarne una nuova, opti per del sapone da bucato, dieci euro e cinquanta, biologico, all’essenza di arancia, finito di lavare l’asciugamano ci lavi pure i figli, i piatti e dopo cena anche i denti!

Non puoi mollare il bambino e rimani pronta accanto al suo capezzale, materassino quechua con micro perdita che a mattina ogni vertebra chiama in causa un Santo diverso, con sacchetto in plastica impermeabile, idea geniale da brevettare.

Ma a te, in posizione di “salviamo il salvabile”, arrivano le tue cose e devi guidare telefonicamente l’acquisto degli assorbenti che battaglia navale a confronto è una passeggiata.

Le tue vacanze sono iniziate da meno di 24 ore e non sei sicura intendessero questo quando ti auguravano:

“Buone vacanze! Rilassati!!!”.

Stefania Italiano

Stefania Italiano

Questo blog è rivolto a tutte le mamme e a tutte le donne e a tutti gli uomini e a tutti i bambini e a chiunque abbia voglia di ridere e ironizzare sulla vita.